La coppetta mestruale

Introduzione alla coppetta mestruale|

Che cos’ è la coppetta mestruale|

I vantaggi della coppe mestruale|

Gli svantaggi della coppetta mestruale|

Come si usa|

Considerazioni finali|

( tempo di lettura: 4 minuti e 35 secondi circa)

coppetta-mestruale

La coppetta mestruale è un’ ottima alternativa femminile al classico assorbente o tampone interno che si sta diffondendo a macchia d’ olio in Italia e nel mondo.

Dopo un anno e mezzo di utilizzo posso finalmente parlarne in modo dettagliato, affinchè le donne possano farsi un’ idea precisa su cosa comporta l’ utilizzo della coppetta mestruale.

Le cose di cui parlare sono tante perchè è un argomento molto vasto, quindi lo dividerò in più articoli in modo da dare informazioni precise e anche in relazione ad ogni paragrafo di questo post.

Prima di continuare nel post è necessaria una premessa: da qui in poi, in ogni articolo, utilizzerò termini tecnici e specifici riguardo al corpo umano femminile; questo potrebbe dare fastidio ad alcune persone, quindi se fosse così sapete già che questo è il momento di fermarvi con la lettura.

Ora possiamo continuare, e in particolare vediamo che cos’è una coppetta mestruale in dettaglio, come scegliere quella più adatta a noi e come utilizzarla.

Cos’ è la coppetta mestruale

Questo dispositivo di igiene, come dicevo, è una valida alternativa all’ assorbente classico e al tampone interno e si presente come un piccolo imbuto chiuso, o se preferite come una piccola coppa con un manico. E’ composta da un materiale idoneo all’ inserimento nel nostro corpo, che utilizzano i medici nelle operazioni chirurgiche: si tratta del silicone medicale o platinico, 100% anallergico e totalmente sicuro.

Spesso le aziende inviano anche un sacchetto in cotone o in silicone dove conservarla in sicurezza e ovviamente un piccolo manuale di istruzioni.

I vantaggi di una coppetta mestruale

La coppetta, se acquistata dopo alcune accurate valutazioni, presenta una serie di vantaggi che è possibile notare fin da subito. Eccone alcuni:

  • è ecologica: una volta acquistata dura fino a 10 anni e non c’è bisogno di utilizzare assorbenti che non contribuiscono affatto alla salvaguardia ambientale
  • è comoda: se inserita correttamente non si sente per nulla
  • è igienica: se vengono seguite le corrette ( e obbligatorie ) pratiche igieniche descritte qui di seguito, è totalmente sicura a livello igienico e salutistico.
  • è pratica: nel caso in cui venga scelta una coppetta adatta alle proprie esigenze e venga inserita correttamente, non si avranno perdite e sarà come non avere le mestruazioni
  • è economica: consente di avere un notevole risparmio annuo. Pensate a quanti assorbenti utilizzate e fate un calcolo: almeno 10 euro al mese? In questo caso in meno di 3 mesi avete già ammortizzato il costo della vostra coppetta e per 10 anni dovreste essere a posto.

Gli svantaggi di una coppetta mestruale

Ci sono anche alcuni svantaggi che possono scoraggiare le novizie, ma io non li considero nemmeno perchè riguardano la prima fase di pratica, durante la quale ci si abitua ad utilizzarla.

  • All’ inizio è difficile inserire e togliere la coppetta: si, lo ammetto, ci ho impiegato un mese per riuscire ad inserirle e a toglierla nel modo corretto; però ora non tornerei mai indietro all’ assorbente, è troppo comoda e riesco ad inserirla ormai in meno di 15 secondi.
  • E’ possibile che una persona alle prime armi acquisti una coppetta poco adatta al proprio corpo, quindi dopo vari tentativi potrebbe essere necessario comprarne un’ altra.
  • Se si acquista una coppetta poco idonea alla propria conformazione è possibile avere disagi, fastidi o un leggero dolore pelvico. Ecco perchè è importante sceglierla con cura.

Come si usa una coppetta mestruale

La coppetta, dopo essere stata disinfettata, va piegata in base alle proprie esigenze e poi va inserita in vagina, senza spingere troppo in alto come accade per l’ assorbente interno.

Ogni 4-6 ore ( 8 ore al massimo ) va svuotata, sciacquata e rimessa, mentre alla fine del ciclo va disinfettata di nuovo e riposta nell’ apposito sacchetto. Il tempo di autonomia dipende da vari fattori, tra cui la dimensione della coppetta e la quantità di flusso.

A questo proposito, dovete sapere che questo dispositivo va scelto con molta cura affinchè vi possa offrire un’ esperienza piacevole e positiva.

Ne parlerò più in dettaglio in un prossimo articolo, ma è importante sapere che una coppetta va scelta soprattutto in base allo stato del nostro pavimento pelvico:

  • se è normalmente tonico, senza particolari problemi, andrà benissimo una coppetta semi-tonica come una Natù o Yuuki Soft.
  • le cose cambiano se il pavimento pelvico è poco tonico, o contratto ( diagnosticato da una ginecologa ) oppure se siete molto sensibili e delicate: in questo caso è necessaria una coppetta molto morbida come una Sibell.
  • Per le giovanissime, per le sportive e in generale per chi ha un pavimento pelvico molto tonico ( attenzione, non contratto ) è indicata una coppetta rigida, ad esempio una Yuuki.

Considerazioni finali

Conviene davvero passare alla coppetta?

A mio avviso assolutamente sì. Dopo l’ impegno iniziale nel documentarmi su come inserire meglio la coppetta, su come toglierla senza sforzo e nella pratica, devo dire che non tornerei mai più indietro.

A me dava molto fastidio la sensazione di ” poca igiene ” e anche solo camminare mi creava non pochi disagi, avevo sempre paura di sporcarmi…per non parlare dell’ irritazione che mi causava la superficie dell’ assorbente.

Ho deciso di creare questa serie di articoli per facilitarvi nell’ acquisto giusto della vostra coppetta ideale, in modo da farvi risparmiare tempo e denaro, perchè così facendo non avrete bisogno di comprarne un’ altra migliore. Oltre a questo vi darò consigli precisi e specifici che probabilmente non troverete in un altro sito, perchè riguarderanno la mia esperienza personale e diretta, in particolare sull’ inserimento e l’ estrazione della coppetta che di solito sono le fasi più critiche per chi è alla prime armi.

Per concludere questa prima introduzione sulla coppetta mestruale, vi chiedo gentilmente di farmi sapere se preferite leggere le informazioni negli articoli o in un piccolo ebook formato pdf da scaricare gratuitamente. Inoltre, se avete domande in merito alla coppetta mestruale potete contattarmi su lla pagina facebook, su instagram o via email: [email protected]

Spero di avervi dato un’ idea su cosa significa passare dall’ assorbente alla coppetta mestruale, a presto!

Precedente La città più green d' Italia

Lascia un commento